Omosessualità. Cioè?

Omosessualità, perché dobbiamo parlarne? Vogliamo parlare di come siano più medie le polo blu taglia M o rosse taglia M? O come siano più caldi i cappotti verdi di quelli marroni? O come sia più bello avere una figlia femmina o un figlio maschio, o un figlio gay?
Tutti quanti hanno il diritto di amare un altro individuo, sia egli di sesso maschile che di sesso femminile. Non entro nel merito, perché i miei gusti ricadono sul sesso opposto al mio, almeno al momento. Non si sa mai, pare che molti si scoprano omosessuali più tardi, magari faccio outing a ottantadue anni e mi faccio cambiare la badante ucraina con un badante giamaicano. Mi cambia lo stesso il pannolone come la signora, però lo fa velocissimo, mentre si fa una canna e balla un reggae. Credo che io debba fare outing per quanto riguarda i luoghi comuni, sono un luogocomunista.
Tuttavia voglio segnalare alcuni comportamenti che tendono a discriminare coloro che hanno gusti omosessuali rispetto a coloro che invece sono eterosessuali.
Uno degli errori più frequenti che si commette, e non solo con gli omosessuali, è ergersi a paladino difensore di una categoria, quando nessuno degli appartenenti a quella categoria te lo ha chiesto. Per esempio, davanti ad una affermazione, ad un post, ad un tweet, ad un articolo qualunque o anche ad una semplice esternazione apparentemente omofoba durante la solita cena di routine del sabato, capita che uno dei presenti prenda strenuamente le difese degli omosessuali. Anche se quella affermazione non voleva assolutamente essere omofoba, anzi proprio il contrario. Per cui il paladino di turno, che oltre a non essere omosessuale e quindi parlando con il culo degli altri, risulta anche non essere in grado di comprendere il significato dell’affermazione, si va ad infilare in discorsi a lui non usuali. Non ottiene l’effetto difesa, anzi, se va male, ottiene anche di mettere in cattiva luce la categoria che sta difendendo. Vi pare che come mio avvocato io porto in aula un cocainomane tigrato col tatuaggio di Giani Sperti, un giubbino con le frange e un cappello da imbianchino? Cerco di scegliermelo. Il ragazzo omosessuale che, per il calcolo delle probabilità in un ristorante c’è sempre, invece ha compreso tutto ciò che si voleva intendere, si diverte, conviene e argomenta, e si prende anche gioco del suo difensore occasionale non richiesto. In pratica, oltre al preservativo per proteggermi dai rapporti occasionali, il sabato porto con me un omosessuale per proteggermi dai paladini occasionali.
Un altro errore è quello di ritenere identiche le coppie omosessuali o eterosessuali. Dal punto di vista pratico, non sono identiche in tutto l’insieme delle caratteristiche. Magari sono identiche per i diritti, per la vita in comune, per i compiti in casa, tipo chi alza la tavoletta e chi no, chi passa davanti alla TV durante la semifinale di Champions e chi no, chi porta la borsa e i portafogli di tutti e due e chi no, chi usa la carta di credito e chi è invece il proprietario della carta di credito e lo prende in culo anche in senso figurato. E chi no ma lo mette.
E’ lo stesso motivo per cui i disabili non sono identici ai non disabili. Se un disabile non può camminare e sta su una sedia a rotelle, non è identico a un centometrista giamaicano ma nemmeno a mio nonno che va a passeggio la mattina. E’ proprio perché queste persone hanno bisogno di essere aiutate nei movimenti, che si fabbricano le sedie a rotelle e, fuori degli uffici e all’ingresso degli autobus, vengono montate delle passerelle. Se fossero ritenuti uguali, non ce li inculeremmo. Scusate, adesso non volevo confondervi.
Vi è un dato di fatto biologico, e cioè che due individui dello stesso sesso, accoppiandosi, non possono generare un’altra vita. Servono comunque un seme donato da un uomo, l’utero donato da una donna, comunque vengano rielaborati o rimescolati, in laboratorio, sala operatoria, in Canada, in un microonde, nel vano CD della PS3, in un posacenere della 500L, nell’incavo di una mano di un carpentiere, in ogni caso gli elementi fondamentali per la nascita di una nuova vita devono provenire da due persone di sesso opposto.
Che poi il nascituro venga allevato e cresciuto da due donne o da due uomini, non costituisce un problema almeno per me, ma nemmeno per i genitori. Per il bimbo non lo sappiamo dire, ma oltretutto manco sappiamo se sarà gay o etero. Che comunque alla fine non è nemmeno un problema, è lo stesso. Quindi del piccolo direi che non ce ne frega proprio un cazzo.
Statisticamente e matematicamente, rimane il fatto che se nessun uomo si accoppiasse più con nessuna donna, dal vivo, artificialmente, in provetta, con pompette, a pallonetto o secondo il Vātsyāyana Kāma Sūtra letto capovolto su un tablet, l’umanità si estinguerebbe più o meno entro un secolo. Almeno questo è uno dei modi sicuri per farlo. Attualmente ce ne sono in piedi un’altra ventina e non è detto che non siano molto più efficaci e rapidi.
Ultimo ma non ultimo, confermo che tra i miei amici omosessuali annovero diversi ricchioni. Intendo dire che le manifestazioni di orgoglio o di affermazione dell’essere gay sono un diritto sacrosanto e giusto. Paillettes, perizomi e boa rosa non aggiungono ulteriore fermezza. Vanno solo a fuorviare le persone su cosa voglia dire essere omosessuale o eterosessuale e rimarcando un essere diversi invece che un essere come tutti. Gli omosessuali sono tra gli autisti del bus, i macellai, le sarte, le infermiere, le maestre, i notai, gli avvocati e non mi sembra di averli visti comportarsi come in un gay pride. Avete mai visto un macellaio col perizoma? Vi piacerebbe eh? Brutte troie etero!

Annunci

Un pensiero su “Omosessualità. Cioè?

  1. Mi complimento, punto di vista interessante. Sono abituata, da parte dei maschietti etero, a battute tutt’altro che ironiche sulla possibilità di menage a trois con me e la mia compagna. Mi riempie di gioia leggere testimonianze come la tua 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...