Deportazione e confino.

Lo sterminio per motivi razziali è deprecabile e disumano e prego l’umanità affinché non si ripeta mai più. Ma rivaluterei la deportazione ed il confino per le seguenti categorie di persone, indipendentemente dalla razza:

        Quelli che ti seguono attaccati ad un metro dal culo nella corsia di sorpasso dell’autostrada, nonostante abbiano delle macchine di merda. (Se sto sorpassando a sinistra una macchina, vuol dire che alla mia destra è presente un oggetto solido per lo più metallico. Essendo anche io seduto nell’abitacolo di un oggetto solido per lo più metallico, per le leggi della fisica valide nella nostra dimensione, non posso compenetrare l’auto alla mia destra. Ragione per cui non me ne frega un cazzo che tu sei a un metro, piuttosto inchiodo e ti faccio compenetrare dalla cassetta di fichi d’india che ho nel portabagagli posteriore, che è molto più resistente del tuo cofano, al cui interno è oltretutto contenuto un motore di merda.)

        I baristi dell’Autogrill che ti fanno il cappuccino portando il latte a una temperatura di oltre cento gradi e poi ti avvertono: “Se è troppo caldo, le verso altro latte freddo.” (A parte che se me lo hai chiesto vuol dire che hai la coscienza sporca, ma dato che mi hai fatto la tazza colma, dove cazzo lo versi l’altro latte? Vuoi che faccia spazio nella tazza bevendo mentre tu mi guardi con il tuo sorriso di merda intriso di sadismo? No caro, piuttosto lo verso sui coglioni, cioè su quelli che hanno detto sì al menu mattina.)

        Le commesse che appena entri in un negozio ti sorridono dicendo: “Se ha bisogno chieda.” (No, guardi, sono un orgoglioso del cazzo e anche se mi serve qualcosa non ti domanderò mai niente).

        Quelli che sono a tavola in sei e ordinano antipasto per tre e arrosto per quattro. (Allora ditemi chi sono quei tre che non vogliono l’antipasto e quei due che non vogliono l’arrosto, perché se magari uno anche più di uno coincidono, sarebbe il caso che se ne tornino a casa, visto che non hanno fame e non hanno motivo di venire a rompere i coglioni a noi qua al ristorante. Se io voglio l’antipasto ne voglio uno, se voglio l’arrosto ne voglio uno, sennò non lo voglio. Altrimenti facciamo una cosa, visto che la prossima volta siamo cinque, portate le vostre tre mogli.)

        Quelli che quando ti invitano a casa hanno la casa perfetta, lucida e senza un soprammobile fuori posto. (Premesso che sapevi che sarei venuto, nulla mi garantisce che negli altri giorni dell’anno qui dentro non vi siano sacchi di monnezza e resti di arance, e siate  a tutti gli effetti dei sepolti in casa. Secondo, cosa pensi? Che io ritenga possibile che tu viva in cotanto ordine tutti i giorni? Quindi o non fai un cazzo e hai la possibilità di raccogliere dopo un secondo ogni singola briciola o capello che ti cadono, oppure vivi altrove, magari in un camper parcheggiato sotto, in una tenda nel giardino condominiale o hai affittato un monolocale a fianco dove trasporti tutta le merda che produci e che nessuno vuoi che veda.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...